faraona a Natale

Faraona di Natale: 4 modi + 1 per cucinarla!

Faraona di Natale: 4 modi + 1 per cucinarla!

La faraona, un animale di razza aviaria con origini dall’Africa settentrionale in cui ancora ad oggi vive in stato selvatico, era già conosciuta ed apprezzata ai tempi dei faraoni egizi, prima di essere poi addomesticata dagli antichi romani.

Nonostante sia di origini africane, la faraona riesce a vivere in zone con climi differenti e per questo viene allevata senza nessuna difficoltà anche nel nostro paese sia per le sue uova che per la sua carne.

La specie maggiormente destinata all’allevamento è quella meleagris (faraona comune) ma esiste anche la cristata (faraona con ciuffo) e la mitrata (faraona mitrata).

Faraona di Natale: come tagliarla in modo corretto

Solitamente, la faraona la potete trovare nei supermercati già priva di interiora, piume, zampe e testa, sia in macelleria che al supermercato.

Nel caso dovesse essere impiegata a pezzi, utilizzate un trinciapollo o un coltello ben affilato, dividendo prima le cosce dal tronco e poi tagliando in due parti quest’ultimo. Per finire, si dovranno separare anche le ali.

Eventuali residui di piume, bisognerà eliminarli passando la faraona sulla fiamma del gas per poi sciacquarla accuratamente.

Faraona di Natale: 4 modi + 1 per cucinarla

Innanzitutto specifichiamo che la faraona può essere utilizzata per preparare ottimi primi piatti, sughi, secondi ed insalate.

Si presta, in generale, a tutte quelle preparazioni che si è soliti fare con la carne di pollo, tacchino e fagiano.

La sua carne è magra, considerata bianca nonostante il suo colore scuro, è indicata proprio per tutti coloro che seguono un tipo di regime ipocalorico grazie ai suoi pochissimi grassi e le numerose proteine.

FARAONA DI NATALE AL FORNO

Assicuratevi che la faraona già pulita non abbia residui di piume, perciò lavatela con acqua corrente e tamponatela per asciugarla.

Inserite quindi all’interno rosmarino, rimo, salvia e dell’aglio prima di legare le zampe con lo spago da cucina.

Trasferitela in una teglia insieme a patate e cipolle, ricoprendo la superficie con un trito di erbe ed aglio.

Per ultimo aggiungete il sale irrorando con l’olio prima di cuocere a 180°C per 20 minuti, sfumate con del vino bianco e continuate la cottura per altri 40 minuti.

CONSIGLIO: per non far seccare troppo la carne, aggiungete un mestolo alla volta di brodo caldo.

FARAONA DI NATALE ARROSTO

Pulite la faraona,lavatela ed asciugatela tamponando.

Prepaprate la carne per la marinatura mettendola in una ciotola capiente e aggiungendo olio, sale sciolto nel succo di limone, pepe, aglio tritato ed erbe aromatiche.

Rigirate i pezzi di carne un paio di volte prima di ricoprire la ciotola, con un coperchio o della pellicola per alimenti, e di trasferirla per un ora in frigorifero.

Durante questo tempo la carne andrà comunque rigirata di tanto in tanto per fare in modo che assorba la marinatura da entrambi i lati.

Trascorso il tempo indicato riscaldate un po’ di olio in un tegame adatto al forno, rosolateci dentro la faraona ben sgocciolata ed aggiungete poi cipolla tritata, sale, pepe, alloro, vino e ricoprite con un foglio di alluminio.

Fate cuocere quindi in forno già caldo a 180 °C per circa 1 ora, rigirando di tanto in tanto la carne, e servite infine con il fondo di cottura.

CONSIGLIO: se la parte liquida si dovesse seccare, mettete ulteriore vino o acqua calda.

FARAONA DI NATALE ALLA CACCIATORA

Fate rosolare in olio di oliva extravergine un trito di aglio, scalogno e pancetta assieme al rosmarino.

Aggiungete la faraona, ben pulita, e fate rosolare anch’essa prima di mettere anche dei pomodori tagliati a filetto, sale, pepe.

Fate cuocere quindi a fiamma dolce con coperchio per 1 ora e, rigirando di tanto in tanto, aggiungete anche del vino. Servite a fine cottura con il fondo di cottura.

CONSIGLIO: se il vino non dovesse bastare per mantenere umida la carne, aggiungete un po’ di brodo già caldo.

FARAONA DI NATALE IN PADELLA

Per la preparazione in padella fate riscaldare un po’ di olio prima di far rosolare la carne, a fiamma bassa, con rosmarino e salvia.

Sfumate in seguito con il vino bianco ed aggiungete del brodo caldo per far cuocere circa 30 minuti.

RISTORANTE AL POSTIGLIONE TI PROPONE:

faraona di Natale

Faraona messa a bagno con aromi dell’orto per 24 ore, cotta in padella con vino bianco e rosmarino, aglio e profumi dell’orto, servita su crema di zucca aromatizzata alla noce moscata, accompagnata da radicchio tardivo rosso e uva passa.

Vieni ad assaggiarla Al Postiglione… ti aspettiamo!

PRENOTA TAVOLO

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Cerca nel blog

Contattaci






Seguici su Facebook!

Prenota il tuo tavolo!

Prenota il tuo tavolo!

Recensioni Tripadvisor

Prenota il tuo tavolo!

Seguici su Instagram

Recensioni Google

telelodo
telelodo
17:31 13 Jan 19
Siamo stati qui una volta, e devo subito sottolineare la simpatia e l’accoglienza del titolare. Eravamo un gruppo di amici che non si incontravano da un po, e lo abbiamo scelto come punto di incontro. Piatti inaspettati, davvero ben strutturati e saporiti, così come i secondi, (abbiamo mangiato carne) servita bene sopratutto cotta bene. Locale accogliente, avevamo il camino vicino, vino di accompagnamento suggerito dal titolare per completare. Parcheggio auto molto grande, consiglio la prenotazione.leggi di più
Giuseppe Cremesini
Giuseppe Cremesini
12:17 13 Jan 19
locale caratteristico, sale arredate con gusto dove si mangia con il caminetto acceso, se si vuole trovi anche sale riservate, il cibo è ottimo, i primi tutti buoni, la carne di una morbidezza che non ti aspetti,i dolci fatti in casa,il tutto condito con un cabernet ottimo e una cordialità sia del personale sia del "padrone" di casa che ti mette a tuo agio. da ritornarcileggi di più
Martina Useli
Martina Useli
07:29 03 Dec 18
Credo sia uno dei migliori ristoranti di Rovigo. Il gestore è simpatico e alla mano. ...E poi c'è quella colata di cioccolato che è una coccola stupenda a fine pasto.leggi di più
eloisa pellegrino
eloisa pellegrino
21:57 19 Oct 18
Il proprietario è simpaticissimo, la cucina davvero buona "di stagione" e tipica. Ci tornerò ogni volta che avrò bisogno di tirarmi su di morale e di coccole culinarie! Rapporto qualità/prezzo ottimo (fra i 25 e i 35€ a testa, vino compreso)leggi di più
Paolo Lucchiari
Paolo Lucchiari
21:17 12 Sep 18
Bellissima Sorpresa! Locale particolare ove lo stile e il gusto si intrecciano in armonia e calorosità. Bravo il titolare che ci ha deliziato con ottimi antipasti, un assaggio di bigoli al ragù d'anatra e costicine d'agnello saporite e deliziose. Il tiramisù una autentica favola! Bella serata in ottima compagnia!! Ottimo locale da ritornarci molto volentieri!!!leggi di più
Guarda tutte le recensioni