cucina a pasqua tipica veneta

Pranzo di Pasqua: cosa si cucina nelle case degli italiani?

Pranzo di Pasqua: cosa si cucina nelle case degli italiani?

A pochi giorni dalla Pasqua, fervono nelle cucine italiane i preparativi per il pranzo di pasqua.

Ogni regione ha il suo piatto tipico, ispirato alla tradizione della zona, ispirato alla sapienza dei contadini e dei grandi cuochi del passato.

IL PRANZO DI Pasqua da nord a sud

Sulle tavole del pranzo di Pasqua della Liguria, immancabile è la torta pasqualina: una torta salata ripiena di erbe (tra cui biete, spinaci o erbette, ricotta e uova, il tutto racchiuso in sfoglie di pasta sottili.

Ideale per essere gustata nelle gite fuori porta in quanto si può preparare in precedenza e può essere mangiata fredda.

Oppure la classica torta valdostana con fontina e prosciutto cotto.

Al centro troviamo poi la capra alla neretese, un delizioso secondo piatto a base di capretto e vino rosso, tipico delle festività pasquali in Abruzzo.

Spostandoci nel Lazio invece come pranzo di Pasqua troviamo l’arrosto di agnello con coratella.

In Molise si prepara il Fiadone per l’occasione: una specialità tipica dalla forma tonda o a mezzaluna a base di bietole, olive e capperi, presentato come piatto unico e mangiato freddo: ideale il venerdì santo quando per tradizione è preferibile non mangiare la carne.

E come per tutte le festività, i dolci non mancano.

In Italia settentrionale, troviamo:

  • La focaccia dolce di Venezia;
  • I panini dolci friulani;
  • La gubana friulana;
  • La fugazza in Carnia e il suffit (una specie di zabaione di uova, latte, burro e vino ed aroma di cannella.).

In Piemonte tra i dolci della cucina a Pasqua:

  • Il classico bunet;
  • Ciambella veronese;
  • Gli arancini liguri;
  • Buccellato toscano;
  • I biscottini alle mandorle abruzzesi;
  • Le ciambelline all’anice laziali.

Nelle Marche si prepara un agnello di pasta dolce al cui interno viene posto un uovo sodo con il guscio.

Al sud la padrona del pranzo a Pasqua è la pastiera napoletana.

  • In Basilicata si preparano le copete (dolci alle mandorle appoggiati su ostie rotonde);
  • In Calabria dolcetti di uva passa o di mandorle e la pignoccata al miele (dolci fritti aromatizzati con arancia e cannella).

PER IL PRANZO DI PASQUA, AL POSTIGLIONE TI CONSIGLIA…

Costolette di agnello con salsa di lamponi e balsamico

Ingredienti:

  • 800g di costolette di agnello
  • 1 mazzetto di erba cipollina
  • sale q.b.
  • aceto balsamico q.b.
  • 1/2 spicchio di aglio
  • 40 g burro
  • 250g lamponi
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • pepe q.b.

Preparazione:

1) Passa metà dei lamponi al setaccio e versa il purè sulle costolettine; bagna con il vino, unisci l’aglio a fettine, copri con la pellicola e lascia marinare per un’ora.

2) Sciogli il burro in una padella antiaderente e fai dorare le costolettine sgocciolate dalla marinata; poi unisci il resto dei lamponi e lascia che appassiscano per qualche istante a calore moderatamente vivace.

3) Sala, pepa, quindi spruzza con qualche goccia di aceto balsamico e gira la carne anche dall’altro lato per farla insaporire.

4) Togli le costolettine dalla padella e tienile da parte in caldo tra 2 piatti. Passa il fondo di cottura al setaccio. Disponi le costolettine sui piatti individuali e bagnale con la salsa; unisci qualche altra goccia di aceto balsamico e l’erba cipollina tagliuzzata.

Se ti piace, puoi completare la presentazione con lamponi freschi.

VINO DA ABBINARE: Il vino giusto Il Cabernet dei Colli Bolognesi, con la sua severa eleganza, governa l’aspetto selvaggio della carne di agnello e la fruttata dolcezza della salsa.

AGNELLO IN CROSTA DI ARANCIA E PEPE ROSA

Ingredienti (per 6 persone):

  • 1/2 spicchio d’aglio
  • olio di oliva extravergine q.b.
  • 1 cucchiaio di pecorino
  • sale q.b.
  • 1 cosciotto di agnello
  • 1 arancia
  • 2 cucchiai di pane grattugiato
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 mazzetto di timo
  • 1/2 cucchiaio di pepe rosa

Come preparare l’agnello in crosta di arancia e pepe rosa:

Per preparare la ricetta dell’agnello in crosta di arancia e pepe rosa inizia con il tritare l’aglio con qualche ago di rosmarino e un pizzico di sale grosso: strofina con il trito il cosciotto, prima inciso sui fianchi con tagli profondi.

Come cuocere l’agnello in crosta di arancia e pepe rosa:

1) Sistema il cosciotto in una teglia foderata con carta da forno e irroralo con il succo dell’arancia e un filo d’olio. Inforna a 180° C per un’ora, rigirando il cosciotto di tanto in tanto e bagnandolo con il fondo di cottura, diluendolo eventualmente con un po’ di acqua calda.

2) Circa 15 minuti prima del termine della cottura, cospargi la superficie del cosciotto con un trito preparato con il pepe rosa, la scorza dell’arancia, una manciata di foglioline di timo, il pangrattato e il pecorino. Servi l’agnello in crosta di arancia e pepe rosa.

Vuoi degustare il tipico pranzo di Pasqua veneto? il Ristorante Al Postiglione è pronto ad accoglierti con piatti scelti e ingredienti di prima qualità tra carne e verdure di stagione.

Un banchetto reale ti sta aspettando nel nostro ristorante tipico, prenota il tuo tavolo!

PRENOTA TAVOLO

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Cerca nel blog

Contattaci






Seguici su Facebook!

Prenota il tuo tavolo!

Prenota il tuo tavolo!

Recensioni Tripadvisor

Prenota il tuo tavolo!

Seguici su Instagram

Recensioni Google

telelodo
telelodo
17:31 13 Jan 19
Siamo stati qui una volta, e devo subito sottolineare la simpatia e l’accoglienza del titolare. Eravamo un gruppo di amici che non si incontravano da un po, e lo abbiamo scelto come punto di incontro. Piatti inaspettati, davvero ben strutturati e saporiti, così come i secondi, (abbiamo mangiato carne) servita bene sopratutto cotta bene. Locale accogliente, avevamo il camino vicino, vino di accompagnamento suggerito dal titolare per completare. Parcheggio auto molto grande, consiglio la prenotazione.leggi di più
Giuseppe Cremesini
Giuseppe Cremesini
12:17 13 Jan 19
locale caratteristico, sale arredate con gusto dove si mangia con il caminetto acceso, se si vuole trovi anche sale riservate, il cibo è ottimo, i primi tutti buoni, la carne di una morbidezza che non ti aspetti,i dolci fatti in casa,il tutto condito con un cabernet ottimo e una cordialità sia del personale sia del "padrone" di casa che ti mette a tuo agio. da ritornarcileggi di più
Martina Useli
Martina Useli
07:29 03 Dec 18
Credo sia uno dei migliori ristoranti di Rovigo. Il gestore è simpatico e alla mano. ...E poi c'è quella colata di cioccolato che è una coccola stupenda a fine pasto.leggi di più
eloisa pellegrino
eloisa pellegrino
21:57 19 Oct 18
Il proprietario è simpaticissimo, la cucina davvero buona "di stagione" e tipica. Ci tornerò ogni volta che avrò bisogno di tirarmi su di morale e di coccole culinarie! Rapporto qualità/prezzo ottimo (fra i 25 e i 35€ a testa, vino compreso)leggi di più
Paolo Lucchiari
Paolo Lucchiari
21:17 12 Sep 18
Bellissima Sorpresa! Locale particolare ove lo stile e il gusto si intrecciano in armonia e calorosità. Bravo il titolare che ci ha deliziato con ottimi antipasti, un assaggio di bigoli al ragù d'anatra e costicine d'agnello saporite e deliziose. Il tiramisù una autentica favola! Bella serata in ottima compagnia!! Ottimo locale da ritornarci molto volentieri!!!leggi di più
Guarda tutte le recensioni