Mangiare l’anatra: le caratteristiche della carne + 3 ricette


Mangiare l’anatra: le caratteristiche della carne + 3 ricette

Mangiare l’anatra: le caratteristiche della carne + 3 ricette

Un prodotto da sempre profondamente radicato nella cultura gastronomica italiana è la carne d’anatra.

Una tipologia di carne versatile in cucina ed utilizzata in varie cotture, dal forno alla brasatura fino allo spiedo o alla griglia.

Mangiare l’anatra

Per anatra si intende un termine generico per identificare un volatile d’acqua appartenente alla famiglia degli Anatidi.

Nel commercio è possibile trovare le anatre domestiche, di due varietà, mute e selvatiche (disponibili durante la stagione di caccia).

…IN ANTICHITA’

Nell’antichità, l’anatra era consumata dagli Estruchi, e successivamente, il suo utilizzo si è diffuso in Veneto, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, fino a tutta l’Europa e la Cina.

Infatti, in occidente, l’anatra mandarina, dotata di un’affascinante piumaggio multicolore, è considerata un animale ornamentale e solitamente non viene consumata la sua carne.

LA CARNE DELL’ANATRA

La carne di questo animale si presenta bianca, perciò magra e ricca di proteine. La pelle si presenta grassa ma, nel caso si volesse rendere la ricetta più leggera, è sufficiente eliminarla prima della cottura oppure prima di mettere in tavola il piatto.

Colore rossatro, ottima consistenza e leggermente più grassa rispetto alle carni bianche del pollo e del tacchino, anche facilmente abbinabile con frutta, agrumi o castagne.

MANGIARE L’ANATRA: LA PARTE PIU’ PREGIATA

La parte più rinomata di questa carne è il petto, il famoso “petto d’anatra” ma anche le cosce, soprattutto se cotte nel modo e tempi giusti.

Con l’anatra si possono comporre piatti non solo con i muscoli o le parti più  pregiate, bensì si possono utilizzare anche le frattaglie come cuore,  stomaco, reni e fegato.

Quando si cucina questa tipologia di carne, non dimenticatevi che la stessa necessita di 24 ore di frollatura dopo la macellazione o in caso di abbattimento prima di essere utilizzata.

Vi sveliamo un piccolo segreto: gli esemplari migliori da utilizzare in cucina sono i maschi che si aggirano sui 3-3,5 kg circa e le femmine di 1,8 – 2,3 kg.

Curiosi di conoscere alcune ricette da preparare per mangiare l’anatra?

Eccole qui!

BIGOLI ALL’ANATRA

Ingredienti (per 4 persone):

Bigoli all'anatra

  • 350 g di bigoli all’anatra
  • 130 g di cipolla
  • 50 g di carota
  • 500 g di carne d’anatra macinata
  • 50 g di sedano
  • 2 pomodori ramati
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • erbe aromatiche q.b.
  • 1 foglia d’alloro
  • Olio evo q.b.
  • Brodo di carne q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione:

1. Inizia col mondare, lavare e tritare finemente cipolla, sedano e carota. Rosola la carne in una pentola con poco olio e, appena sarà dorata, sfumala con il vino rosso.

2. Unisci alla carne il trito di verdure, sala e pepa. Aggiungi gli aromi (rosmarino, salvia e prezzemolo freschi e tritati, lasciando da parte un po’ del prezzemolo) e, infine, i pomodori tagliati a cubetti. Fai rosolare il tutto e lascia cuocere per circa due ore, aggiungendo brodo se necessario.

3. Porta a ebollizione abbondante acqua leggermente salata. Lessaci i bigoli, scolali e versali nella padella con il ragù d’anatra già preparato, quindi lascia amalgamare il tutto per qualche minuto. Cospargi con un ciuffetto di prezzemolo tritato, un filo d’olio e servi.

MANGIARE L’ANATRA GLASSATA AI FICHImangiare l'anatra con i fichi

Ingredienti per 4 persone:

  • Anatra 600g
  • 15 fichi
  • Timo fresco q.b.
  • 4 cucchiai di miele
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 50 g di burro
  • Sale q.b.

Preparazione:

  1. Lasciate marinare il petto di anatra in una ciotola con due cucchiai di olio, un cucchiaio di miele, il sale, il pepe e 4 rametti di timo per almeno 1 ora.
  2. Nel frattempo lavate i fagioli corallo e cuoceteli in abbondante acqua salata, poi scolateli e tenetele da parte.
  3. In una padella capiente versate metà del burro e fate rosolare il petto di anatra da entrambi i lati per 5 minuti circa.
  4. Ponete la carne in una teglia, coprite con un foglio di carta di alluminio e infornate a forno caldo a 200°C per 15 minuti.
  5. Eliminiate con un foglio di carta assorbente il grasso rilasciato nella padella dalla carne, unite il burro, il miele e i fichi tagliati a metà. Fateli cuocere per 5 minuti a fiamma vivace poi sfumate con il porto e proseguite la cottura per 3 minuti. Tenete da parte i fichi e fate ridurre della metà il fondo di cottura a fiamma alta. Togliete il petto di anatra dal forno, affettatelo al coltello e disponetelo sul piatto da portata. Accompagnate con i fichi, il fondo di cottura e le taccole.

MANGIARE L’ANATRA ALLE PRUGNE

Ingredienti:mangiare l'anatra alle prugne

  • 1,5 kg di anatra muta
  • 1 cipolla rossa
  • 2 cucchiaini di miele
  • 1 cucchiaino di aceto balsamico
  • 16 prugne secche
  • 10 g di cumino
  • 50 g di semi di sesamo
  • Aceto di vino bianco q.b.
  • Olio evo q.b.
  • Sale q.b.

Preparazione:

  1. Versate l’olio in padella, eliminate le zampe dell’anatra e dividetela a metà. Togliete le interiora e tagliatela l’anatra a pezzi.
  2. Mettete le prugne secche nell’acqua per farle rinvenire. Disponete l’anatra nella padella calda, aggiungete il sale e il cumino macinato e lasciate rosolare.
  3. Sbucciate la cipolla e tagliate grossolanamente. Unitela in padella. Girate l’anatra e fate prendere colore.
  4. Aggiunte le prugne con l’acqua in cui le avete fatte rinvenire e l’aceto balsamico. Fate cuocere a fuoco vivace per 10 minuti circa.
  5. A metà cottura girate l’anatra, aggiungete poca acqua e l’aceto di vino bianco. Lasciate cuocere a fuoco basso per altri 10 minuti. Quando l’anatra è cotta, eliminate il grasso in eccesso, unite poca acqua e completate la cottura sul fuoco per 1 minuto. Impiattate con sesamo bianco e un rametto di maggiorana.

Hai voglia di gustare tutta la prelibatezza dell’anatra senza sporcare i fornelli?

vieni da Ristorante Al Postiglione!

Ti aspettiamo con fantastici manicaretti da farti gustare!

PRENOTA TAVOLO

C'è 1 comment

Aggiunti il tuo